Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i nostri servizii. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul tasto "Privacy Policy"


FASE FENOLOGICA:ingrossamento e invaiatura drupe

SITUAZIONE Fitopatologica

MOSCA DELL’OLIVO (Bactrocera oleae).La prima decade del mese di ottobre è trascorsa all’insegna del bel tempo ad esclusione delle tre giornate dei giorni 4 , 5 e 6 ottobre, dove si sono verificate delle piogge di varia intensità in entrambi i territori delle provincie di Catania, Ragusa e Siracusa. Per tutte le varietà prevale l’accrescimento delle drupe.
La modesta cascola delle olivine verificatesi tra la fine di agosto ed i primi di settembre ha confermato la scarsa attività della generazione carpofaga della tignola ( Prays oleae), che non ha causato apprezzabili danni, anche perché il lavoro di monitoraggio effettuato dai tecnici di campo ha contribuito a tale risultato, perché non è stata segnalata il superamento della soglia di intervento degli attacchi della tignola.
La mosca dell’olivo, invece dopo una flessione verificatesi in concomitanza con il periodo più caldo della seconda metà del mese di agosto, ha dai primi di settembre, ripreso l’attività trofica e di ovideposizione ed in molti comprensori e nelle aziende monitorate con le trappole a feromone, le catture degli adulti sono man mano aumentate, nonché il campionamento delle drupe ha determinato in molti casi che è stata superata la soglia di intervento (10% di infestazione attiva)...

Scarica il bollettino completo